Implantologia a carico immediato

Inserisci qui il tuo testo...

L'implantologia a carico immediato è una variante di "ultima generazione" dell'implantologia tradizionale.

I primi step, ovvero quelli di natura diagnostica sono simili al carico differito e prevedono di compilare una corretta anamnesi del paziente, per valutare la presenza di eventuali patologie, che potrebbero rappresentare una controindicazione alla chirurgia; in seconda istanza, si esegue un esame radiografico tridimensionale per valutare quantità e qualità dell'osso.

A questo punto si programma l'inserimento dell'impianto.

Nel caso in cui si sia optato per il carico immediato, la protesi viene consegnata al paziente dopo 24h, piuttosto che dopo 3-4 mesi (come si farebbe con l'approccio tradizionale).

Quando ricorrere al carico immediato?

  1. Nei settori anteriori, dove per motivi estetici, il paziente non accetterebbe il disagio di trascorrere alcuni mesi senza il dente;
  2. Nel caso di riabilitazioni di intere arcate: in questo caso, infatti il manufatto protesico stesso funge da stabilizzatore degli impianti, permettendo di soddisfare le esigenze del paziente nel minimo tempo possibile.

Possono ricorrere tutti all'implantologia a carico immediato?

Non tutti possono permettersi di sottoporsi a un intervento di implantologia dentale a carico immediato. Bisogna avere una stabilità primaria degli impianti dentali che sia adattabile all'implantologia. La qualità dell'osso e la sua densità sono elementi imprescindibili per assicurare il successo dell'intervento. La stabilità primaria è una misura coniata in Newton centimetri, e si ottiene dopo avere avvitato l'impianto nell'osso. Spetterà al vostro dentista implantologo valutare la strategia migliore per intervenire sulla vostra arcata dentale.

 Quanti impianti sono necessari?

  • All on four: la tecnica dell'All on Four è una delle più innovative degli ultimi tempi. Essa consiste nell'inserimento di 4 impianti di titanio puro o titanio - zirconio nell'osso mandibolare o mascellare, così da creare una base solida per l'applicazione della protesi. La protesi viene ancorata ai quattro impianti creando un tutt'uno con l'arcata. Inizialmente la protesi sarà provvisoria, venendo poi sostituita da una protesi fissa e definitiva quando l'osteo integrazione degli impianti sarà perfettamente conclusa. Il carico è pertanto progressivo.
  • All on six: questa tecnica prevede l'inserimento di una protesi fissa ancorata su sei impianti dentali. E' l'implantologo che decide se praticare la tecnica su 4 o su 6 impianti. Entrambe sono anche indicate per i pazienti che non vogliono protesi mobili o che hanno protesi mobili ma intendono applicarne altre in modo fisso.